mercoledì 26 aprile 2017

Magnifici tombini alla giapponese ora riprodotti anche su carte da collezione



Nella maggior parte dei paesi, la progettazione delle coperture dei tombini stradali non è altro che un coperchio metallico, generico, grigio, anonimo. Una funzione basata puramente sull'utilità.



In Giappone le cose sono un po' diverse. Dopo la Seconda Guerra Mondiale, i progettisti urbani proposero l'idea di offrire a ciascun comune la possibilità di progettare i tombini come parte di uno sforzo per sensibilizzare gli abitanti nei confronti dei costosi lavori inerenti alle fognature.



Da allora i disegni dei tombini riflettono l'industria locale, la cultura e la storia.



Il risultato è stato un enorme successo, infatti sono arrivati a oltre 19.000 disegni differenti.



John Daub di ONLY in JAPAN, ha recentemente visitato la fabbrica di fusione di Nagashima Imono in Giappone per vedere come tali coperture vengono progettate e costruite.



Ha inoltre partecipato ad un incontro annuale di appassionati collezionisti, il "Manhole Summit" iniziato nel 2014, scoprendo una nuova forma di collezione ovvero le carte del "Manhole Trading Cards" cioè riproduzioni dei tombini con tanto di spiegazioni dei loro disegni e precise coordinate geografiche riportate sul retro, i cui adepti hanno coniato una nuova parola per definirsi: "MANHOLERS".



Se tra noi ci fossero appassionati della materia purtroppo dovranno recarsi in Giappone per ottenere le carte, ma nel frattempo potranno continuare l'avventura esplorativa cliccando qui #japanesemanhole su Instagram...



... dopo aver guardato l'interessante video di Daub.

martedì 25 aprile 2017

25 Aprile 2017 Festa della Liberazione



La bandiera tricolore alla finestra come di prammatica, ma anche per ricordare agli indaffarati e/o smemorati questo giorno così importante per l'Italia.



Dopo aver letto con attenzione le motivazioni che portarono a proclamare il 25 aprile Festa Nazionale, dopo ben 72 anni da quel momento così fondamentale, vi auguro di trascorrere una serena giornata all'aria aperta...



... e per dimostrarvi la sincerità del mio augurio, mi permetto di regalarvi un fascio di fiori. Tulipani, ovviamente!

mercoledì 19 aprile 2017

Illusioni visive di animali per la loro adozione un progetto di Jadhav e Bhide



Pubblicità martellanti su come tenere al meglio gli animali domestici hanno portato ad un aumento considerevole di amici a quattro zampe nelle case per lo meno qui in Italia. Ma non dappertutto le persone sono d'accordo nell'adottare un animale.



A Mumbai, in India, il fotografo Amol Jadhav e l'art director Pranav Bhide hanno creato una potente campagna per "World For All Animal Care And Adoptions" proprio per diffondere la consapevolezza in tanti che può bastare solo una certa dose di buona volontà per adottare un animale senza casa.
La campagna è stata decisamente efficace!



Usando tecniche di illuminazione e framing intelligenti, il duo creativo ha realizzato una serie di ritratti, ancor meglio delle "illusioni ottiche" contenenti due immagini in una.
Gli artisti hanno infatti disposto i soggetti da ritrarre creando una silhouette a forma di animale evidenziata da una retroilluminazione super luminosa nello spazio negativo tra le figure umane illuminate semplicemente da una luce delicata.
Un perfetto connubio per lo slogan "C'è sempre spazio per altri. Adottate".

Le persone hanno recepito il messaggio di Amol e Pranav, difatti in un solo giorno vi sono state ben 42 adozioni!

sabato 15 aprile 2017

Auguri pasquali con Simon's Cat in "Hop it"



Il video per la Pasqua 2017 ci regala un Simon's Cat che cerca di catturare un coniglietto rincorrendolo in mezzo a uova pasquali e un nanetto da giardino.
Un grazie e auguri a Simon Tofield, ai suoi gatti "veri"...



... e cari auguri anche a voi tutti per una gioiosa Santa Pasqua con tante uova cioccolatose, colombe mandorlose e sorprese allegrose!

venerdì 14 aprile 2017

Quando la Street Art incontra la natura



La Street Art spesso stupisce e ispira, ha in effetti la prerogativa di scuotere l'animo di chi la guarda. Infatti, ambienti urbani spesso noiosi, piatti, monocolore acquistano una nuova prospettiva.



Queste immagini, create da vari artisti, ci offrono in più la possibilità di vedere come la genialità abbia interagito con ciò che già era in loco.



Street Art intelligenti, vistose, magiche immagini scaturite da chi ha un animo sensibile e una grande capacità di cogliere il punto giusto.



Poi lo accrescono, rendendolo qualcosa di diverso e bellissimo.



E così un alberello o un rampicante diventano le chiome di giovani donne, un vasetto appeso al muro si trasforma in una mongolfiera, una bimba innaffia con un po' di fatica un albero,



anche un topolino dalla sua finestrella fa lo stesso con alcuni fili d'erba, mentre una ragazzina raccoglie delle ciliegie...

La poesia è sempre presente, ci pervade anche se poi non tutti sappiamo "mettere in pratica" ciò che proviamo, fortunatamente ci pensano anonimi geni a scuotere e sgretolare le corazze di freddezza, superficialità ed egoismo che ci costruiamo addosso.

mercoledì 12 aprile 2017

Legno riciclato per creare ritratti multicolori di Strook



L'artista belga Stefaan De Croock, meglio conosciuto come Strook, lavora con legno riciclato col quale costruisce ritratti geometrici di grandi e piccole dimensioni.



Vecchie porte, tavolati e pannelli recuperati da vecchie case, sono la materia prima per questo artista che riesce a dare a questi pezzi di legno ormai inutilizzati, nuova vita.



Ogni pezzo viene progettato utilizzando molteplici frammenti di legno tagliato, abbinato e assemblato dall'artista in modo da formare una sorta di tavolozza di colori.



Strook non crea solo questo tipo di mosaici che hanno una certa similitudine con i murale, ma si diletta anche a riprodurre le sue opere su tela.



Con il pezzo più recente, la prima immagine in alto, l'artista ha partecipato al nuovo Festival d'Arte di Ostenda, in Belgio, Crystal Ship, quest'anno alla sua seconda edizione.



Molti altri lavori di Strook si possono vedere su Instagram.

sabato 8 aprile 2017

Centrotavola di Pasqua 2017



Comprati uova di cioccolato, piccoli doni, iniziato a fare qualche visita augurale e stabilito cosa preparare per il pranzo di Pasqua, è arrivato il momento di pensare al Centrotavola per rendere la tavola gioiosa come dovrebbere essere in questa festa.
Quest'anno come colore predominante ho scelto il rosa acceso dato che ho trovato dei piatti rosa pastello che abbinerò a quelli bianchi... mi fermo qui altrimenti potrei annoiarvi con le mie chiacchiere, quindi passo subito a spiegarvi come ho preparato il Centrotavola.

Occorrente

Uovo di carta alto cm. 23
Carta rosa acceso
Rametti di fiori di ciliegio bianchi e rosa
Nastro a rete rosa acceso: lungo cm.200, alto cm.4
Laccetto con anima di ferro color nocciola lungo cm.60
Rafia rosa acceso
Ovetti confettati rosa e bianchi alti cm.6,5
Biadesivo
Scotch
Forbici
Coppetta di peltro diametro cm.8 alta -compreso il piedino- cm.5

Esecuzione

L'uovo di carta è formato da due metà per cui le ho unite lungo il bordo con lo scotch. Ho preso il foglio di carta, un quadrato di circa cm.60 per lato, e al centro vi ho messo l'uovo diritto fissandolo con alcuni pezzetti di biadesivo. Ho iniziato a sollevare la carta modellandogliela attorno cercando di stringerla verso la sommità dell'uovo.
Quando le varie piegoline della carta mi sembravano a posto, ho preso il laccetto color nocciola e ho legato la carta stringendo per bene il nodino.
Ho allargato e modellato la carta oltre la legatura rifinendo poi con le forbici le quattro punte.
Ho preso il nastro a rete col quale ho preparato una coccarda che ho infilata e fissata all'uovo con la rafia.
Quindi ho iniziato ad applicare i fiori bianchi e solo alcuni rosa, fissandoli con piccoli pezzi di scotch alla carta.
Il centrotavola così ultimato l'ho posato sulla coppetta di peltro e ora è pronto per il pranzo di Pasqua.

Ho rifasciato anche un piccolo ovetto con la stessa carta usata per il Centrotavola perché lo userò come segnaposto legando con la stessa rafia anche un rettandolo di cartoncino bianco col nome di ogni commensale e il tutto lo sistemerò sopra ai tovaglioli.

Metterò alcuni piattini di vetro lungo la tavola con sopra un paio di ovetti confettati bianchi e rosa tra qualche fiore di ciliegio e magari un paio di agnellini come potete vedere nella foto.

Se volete provare a fare il finto uovo di Pasqua vi suggerisco di trovare una carta molto malleabile perché non vi crei problemi nell'avvolgere l'uovo e vi ricordo di spolverarlo leggermente di zucchero a velo vanigliato per dare un delicato profumo alla tavola.

Il lavoro mi sembra riuscito discretamente e come sempre, mi auguro d'esservi stata utile. Non resta quindi che attendere il giorno di Pasqua, quando le vere uova di cioccolato fondente, bianco, al latte, con le nocciole verranno aperte e assaggiate con gioia da tutti!

Ringrazio ancora per la disponibilità e la splendida foto del mio Centrotavola l'amico Tiziano, un vero artista dello scatto come potete vedere in questa pagina, ma anche e soprattutto qui.